1. Condividi su Facebook Condividi via E-Mail Condividi su Twitter

    Lo Straniero N°189 - marzo
    978-88-6965-644-6

    A cura di Goffredo Fofi

    €10.00



    144 pagine
    10 euro
    brossura

     

    In Apertura un incontro di Germaine Tillion con Claude Goure, nella traduzione di Giulia Rossi. Seguono quattro sezioni: Persuasioni, Arte e parte, Opere/giorni e Il racconto.

     

    Persuasioni

    Dove e come siamo? e dove andiamo?  In questa sezione Piergiorgio Giacchè riflette sulla mutazione che tutti stiamo vivendo. Ciafaloni interviene invece sul lavoro in fabbrica partendo dal Diario di Simone Weil. Segue un intervento di Iacopo Scaramuzzi su un’intervista rilasciata dal Papa sulla Cina, uno di Battiston sulla storia del jihad, di Chirico sulla società civile irachena. Infine, tre riflessioni sulla storia della sinistra israeliana e nostrana: Corrado De Benedetti in un’intervista su sionismo e identità ebraica, Turchetta sullo scrittore Amos Oz, e Alessandro Leogrande sul saggio di Delera circa le ambiguità della sinistra italiana.

    Arte e parte

    All’inizio della sezione, un omaggio a un grande poeta sloveno-triestino ingiustamente ignorato: Srečko Kosovel, morto a 22 anni nel 1926. Vengono poi riproposte alcune sue poesie nella traduzione di Cristina Battocletti. Segue un intervento del commediografo inglese Edward Bond sul senso del teatro e su Sarah Kane, presentato da Bertinetti, a cui segue una riflessione di Scarpellini su una messinscena romana del suo Lear, con una poesia di Bond su Lear. Segue il poemetto del poco noto poeta calabrese Franco Costabile sulle migrazioni interne in Italia negli anni del boom economico. Infine, un’intervista di Grosoli, Persico e Zonta al regista russo Sokurov sul suo film Francofonia, sul Louvre, seguita da un commento di Boarelli.

    Opere/giorni

    Questa sezione si apre con una recensione di David Bowie scritta da Simone Caputo a partire dal suo ultimo disco. Seguono un saggio di Michéa sulla storia della sinistra letto da Marco Gatto e l’introduzione di Solmi ai “Minima moralia” di Adorno segnalata da Simone Scala. Un grande documentario di Oppenheimer sulle stragi indonesiane visto da Livio Marchese. L’impressionante film di Nemes sui lager nazisti nel giudizio di Fofi. L’omaggio di Maresco a Franco Scaldati presentato da Andrea Inzerillo. La riflessione di Silvia Calamandrei su un romanzo di Mo Yan e di Sara Honegger su uno di Cécile Coulon, e ancora Fofi sulla morte dell’ultimo eroe western del fumetto, il Ken Parker di Berardi e Milazzo. Completano la sezione 11 schede su saggi, romanzi, film e spettacoli teatrali. Con un ricordo di Nanni Salio.

    Il racconto

    In questo numero, quattro brevi storie, tra humour e bizzarria, di Tiziano Rossi, poeta. Un soggetto-racconto su una coppia forse normale di Augusto Tretti, un regista marginale e da riscoprire. E poi una scrittrice ai suoi esordi, Giulia Caminito, e una bambina che cresce. E una nuova sezione, “La strada”, di perlustrazioni e spostamenti: il Diario 1989 di un grande giornalista polacco, Marius Szczygiel, e un confronto tra treni e barche di Francesco Migliaccio.

     


Chi ha acquistato questo libro ha comprato anche