1. Condividi su Facebook Condividi via E-Mail Condividi su Twitter

    Lo Straniero N°186/187 - dicembre/gennaio
    978-88-6965-631-6

    Direttore Goffredo Fofi

    €10.00



    144 pagine
    10 euro
    brossura

     

    In Apertura, le traduzioni di Andrea Zanzotto di alcune poesie di Rimbaud, Eluard, Michaux, Frénaud, Breytenbach e Höederlin, a cura di Nicola De Cilia.

    Seguono cinque sezioni: Persuasioni, Orizzonti, Arte e Parte, Opere e Giorni e Il racconto.

    Persuasioni

    In questa sezione un ricordo del maestro Luciano Gallino a cura di Ciafaloni, che ci parla  del suo ultimo libro-testamento. Oreste Pivetta racconta Milano, smontandone vecchi e nuovi miti. Montanari parla di analfabetismo e disprezzo per la cultura da parte dei nostri politici; Andrea Toma della produzione e traffico di armi in Italia e nel mondo. Un’analisi della politica da più parti del mondo: Lea Nocera si occupa delle elezioni in Turchia, Mimmo Lombezzi del conflitto tra israeliani e palestinesi, Simic dei democratici e delle elezioni negli Usa, Jordi Borjia della Catalogna e i suoi sogni separatisti. Infine, la storica del Nord Africa Raphaëlle Branche critica la superficialità del giornalismo italiano sulla storia del colonialismo.

     

    Orizzonti

    Qui una serie di discussioni a partire dalle forme di narrazione ibrida – romanzo, inchiesta, reportage – che più tengono conto della profondità di cambiamenti e problemi nel mondo complicato di oggi. Fofi ne discute a partire dai modelli di Truman Capote e Levi; David Van Reybrouck, autore di “Congo”, in dialogo con Nicola Lagioia; Nadotti parlando dell’opera della Aleksievic, Giacchè e Bert Wagendorp su Frank Westerman; Binyavanga Wainaina sul romanzo africano, mentre Luiz Ruffato sulla difficoltà di raccontare l’America Latina. Corrado Stajano ritorna su “Africo”, la sua storica ricerca tra reportage e letteratura; Fontana e Carsetti ragionano sul dramma delle nuove migrazioni a partire da “La frontiera”, il libro di Alessandro Leogrande. Segue un’intervista di Goffredo Fofi a Pietro Marcello a proposito del suo film “Bella e perduta”, un insolito viaggio in Italia tra mio, fiaba, storia e poesia. Alessandro Stellino parla di “Comizi d’amore” di Pasolini, Emiliano Morreale del “metodo Wiseman”. Infine un’incursione nel mondo del fumetto: i graphic novel di Baudoin e Troubs su Messico e Colombia, in un’intervista di Boille a Edmond Baudoin.

     

    Arte e parte

    La sezione è dedicata a Bruce Springsteen: apre un’intervista di Fofi ad Alessandro Portelli, seguono omaggi e approfondimenti dedicati al grande interprete di un’America diversa: Ermanno Labianca, il suo maggior studioso italiano, Simone Caputo, Michele Dal Lago, Massimiliano Virgilio e Vittorio Giacopini.

     

    Opere/giorni

    Apre la sezione un commento di Piergiorgio Giacchè sull’abbecedario dell’Italia di questi anni, disegnato da Armin Greder; un intervento Paola Splendore sulla scrittura di Irena Brezná, dalla Slovacchia alla Svizzera, Paolo Bertinetti parla dei noir scritti da Julian Barnes sotto falso nome. Segue una riflessione di Guerriero sulle idee di Fortini sulla poesia, Marchese parla della via crucis di una ragazzina nel film “Kreuzweg”, di Bruggemann; Trabacchini parla dell’esperienza di Manuele Fior al Musèe d’Orsay, tra pittura e fumetto. Infine, Esposito commenta le immagini di Bill Maudin che illustrano questo numero de “Lo straniero”.

     

    Il racconto

    Nell’ultima sezione, una storia illustrata di Mariana Chiesa.

     

     

     


Chi ha acquistato questo libro ha comprato anche