1. Condividi su Facebook Condividi via E-Mail Condividi su Twitter

    Lo straniero N°179 - maggio
    978-88-6965-591-3

    Direttore Goffredo Fofi

    €10.00



    144 pagine
    10 euro
    brossura

    Apertura
    Fuga di morte e altre poesie di Paul Celan ea cura di Luigi Reitani

    Persuasioni
    Dalla Spagna, Jordi Borja ci spiega cos’è Podemos e la sua importanza (e ne nasce un opportuno confronto con la situazione italiana). Battiston e Leogrande s’interrogano sull’Isis, il mondo islamico, noi. Dall’Iraq, Chirico esamina “American Sniper” con gli occhi
    di laggiù. Dall’Alabama, Silvia Giagnoni confronta la Selma di ieri con quella di oggi. Dal Veneto, Bettin discute con Riccardo Bottazzo la difficile situazione degli amministratori onesti (e più avanti un pamphlet sulla disobbedienza civile). Infine Grossi torna sui paradossi del gioco d’azzardo in Italia.

    Arte e parte
    Un romanzo, “Il Regno” di Emmanuel Carrère, che meritava se ne discutesse ampiamente, come fa l’autore a confronto con Nicola Lagioia (su temi più letterari) e Gabriella Caramore (su temi più religiosi). Completa il nostro omaggio un testo di Carrère sulla sua passione per il cinema (poiché è stato ed è anche regista e sceneggiatore). Andrea Brazzoduro ricorda due belle figure di intellettuali legati alla storia dell’Algeria
    di ieri e a quella di oggi, René Vautier, regista, e Fanny Colonna, antropologa. Lo scrittore messicano Fernando del Paso evoca la bella figura di José Emilio Pacheco, un poeta che abbiamo molto amato.

    Opere e giorni
    Giacchè ricorda Judith Malina e la splendida avventura del Living Theatre, e Luca Baranelli Renato Solmi, intellettuale militante e amico. Graziano Graziani ascolta Claudio Morganti che legge Dino Campana. Stefano Fedele ha visto un grande documentario di Frederick Wiseman. Mereghetti ricorda Manuel de Oliveira e i suoi film. Zonta ragiona sul primo film di Laura Bispuri e Morreale sull’ultimo di Nanni Moretti. Trabacchini esamina alcuni graphic novel sulla guerra. Benfante rilegge Angelo Fiore. Gabriele Fichera discute un saggio di Curreri su critici e scrittori. Con un ricordo di Lidia Croce (Fofi) e sei schede su film e romanzi delle ultime settimane.

    Il racconto
    Un racconto ferroviario di Andrea Gianinazzi, un elettrocardiodramma di Leonardo Capuano, una storia non masturbatoria di Daniele Rielli.