1. Condividi su Facebook Condividi via E-Mail Condividi su Twitter

    Così presente, così invisibile
    978-88-6965-738-2

    Campany David

    €21.17 €24.9015%



    15x21 cm
    263 pagine
    40 fotografie
    brossura
    traduzione dall'inglese: Angela Ricci (pp. 6-210) e Teresa Albanese (pp. 211- 262)

    Sfoglia il libro



    Parlare di fotografia è facilissimo, ma proprio per questo
    può diventare la cosa più difficile del mondo.

    David Campany



    Così presente, così invisibile è il libro di David Campany della collana Logos. In questo volume sono raccolti gli incontri fatti da Campany, scrittore, curatore e artista, con fotografi di fama mondiale con cui si confronta rispetto alle diverse fasi creative e sul rapporto con il mezzo fotografico. Gli autori che prendono voce nel libro sono Adam Broomberg e Oliver Chanarin, Daniel Blaufuks, Robert Cumming, LaToya Ruby Frazier, Lewis Baltz, John Stezaker, Paul Graham, Rut Blees Luxemburg, Jeff Wall, Lucas Blalock, Susan Meiselas, Victor Burgin, William Klein e Stephen Shore.

    Pagina dopo pagina, si passa dalle riflessioni filosofiche e dalle dichiarazioni semplici ma al tempo stesso disarmanti di Stephen Shore al confronto con William Klein in quanto artista, fotografo e regista. Campany racconta anche dell’interesse di Susan Meiselas a mantenere tutti i suoi progetti sempre vivi con una particolare attenzione ai diversi contesti in cui oggi possono essere veicolati – libri, mostre, pagine di riviste, siti web e racconta dell’indagine di Jeff Wall sulla fotografia in quanto “immagine” e “documento”.
    Quattordici approfondite conversazioni che vanno oltre la semplice intervista e che rivelano le complesse relazioni tra arte e fotografia, fotografia e mondo, tra parola e immagine. Per ogni artista, Campany definisce anche le modalità con cui il confronto è avvenuto.

    Le voci contenute in questo libro sono tutte diverse, ma ciascun fotografo ha affrontato la questione della comprensione del medium che usa. Può trattarsi di una comprensione tecnica, filosofica, estetica, sociale, o di una combinazione di esse. Nel loro complesso, tutte queste voci forniscono probabilmente un’ottima definizione operativa della fotografia, e allo stesso tempo sollevano tante contraddizioni e paradossi. Ma forse non possiamo aspettarci di più, perché se davvero la fotografia è un medium, lo è in un modo che elude qualsiasi definizione fissa e soddisfacente.

    David Campany


    David Campany è scrittore, curatore e artista, si occupa principalmente di fotografia. È autore di A Handful of Dust (2015), The Open Road: photography and the American road trip (2014), Walker Evans: the magazine work (2014), Gasoline (2013), Jeff Wall: icture for Women (2010), Photography and Cinema (2008) e Art and Photography (2003). Ha scritto oltre duecento saggi per musei e libri monografici. Insegna all’Università di Westminster, a Londra e per il suo lavoro di ricerca e scrittura ha ricevuto l’ICP Infinity Award, il Kraszna-Krausz Book Award, l’Alice Award, il Deutscher Fotobuchpreis e il premio per la scrittura della Royal Photographic Society.


Chi ha acquistato questo libro ha comprato anche