1. Condividi su Facebook Condividi via E-Mail Condividi su Twitter

    Un'antologia per immagini - Mediterraneo
    978-88-6965-328-5

    List Herbert e Galimber Maurizio

    €8.50 €10.0015%



    21x15 cm
    80 pagine
    30 fotografie a colori e in b/n
    cartonato

    Sfoglia il libro

     

     

    Il volume è il catalogo realizzato in occasione della mostra omonima presentata a luglio 2011 a Capri curata da Denis Curti.
    Il libro raccoglie le fotografie di Herbert List e Maurizio Galimberti  legate insieme dal tema del Mediterraneo.

    L'opera di List è una e una sola, densissima e compatta, anche quando per osservarla si sceglie di concentrarsi su un ordine limitato di soggetti, come accade nel caso di questa selezione tutta centrata sul macro-tema del Mediterraneo. D'altra parte, Herbert List ha ambientato all'interno di quest'area geografica una porzione molto ampia del proprio lavoro, facendo sì che diventasse anch'essa protagonista del proprio immaginario e declinando al suo interno tutti i principali motivi della sua ricerca. Hanno radici italiane anche alcuni dei principali riferimenti culturali di List. 

    Le opere di Maurizio Galimberti sono un naturale innesto al lavoro di List. Il filo conduttore che li unisce è la capacità di costruire immagini innovative e seducenti pur affondando le radici in una tradizione fortemente consolidata. Per il maestro tedesco si è parlato di classicismo, per Galimberti invece i riferimenti più espliciti e diretti sono le avanguardie europee di inizio Novecento, fra cui in particolare le ricerche cinetiche dei futuristi e l'apertura Dada di Marcel Duchamp. Nel libro vi è uno specifico richiamo esattamente allo stile e alla poetica di Herbert List, le cui immagini del Mediterraneo costituiscono la base di un'indagine tesa non tanto a riprodurre i medesimi soggetti, quanto piuttosto ad evocare atmosfere ugualmente solenni e senza tempo.
    Sono tre le serie di Galimberti raccolte in questo volume, ciascuna realizzata durante uno specifico periodo dell'anno in cui si è trovato a lavorare sull'isola di Capri, imparando così a conoscerla nei suoi aspetti più profondi e nascosti al di là delle evidenze turistiche.